Yoga

Come diventare insegnante di yoga

Namaste.

Oggi ti racconto di quando ho deciso di inseguire il mio cuore per realizzare uno dei miei più grandi sogni: diventare insegnante di yoga e meditazione.

Diventare insegnante di yoga a Bali

Ho scelto l’Indonesia come destinazione per i miei studi, più precisamente “l’isola degli dei”,Bali, perché sono sempre stata attratta dalla sua cultura, natura e forte spiritualità.

Altre due motivazioni che mi hanno spinta a non frequentare una scuola in Italia é che questo corso, oltre ad essere in lingua inglese, era riconosciuto internazionalmente da “Yoga Alliance” e mi avrebbe quindi aperto la strada per poter insegnare in tutto il mondo proprio come volevo io.

Ad essere sincera non avrei potuto fare scelta migliore perché la combinazione di questi elementi ha creato il posto perfetto dove poter imparare e praticare, rendendo quest’esperienza così unica e forte da cambiare completamente la mia vita.

Ho vissuto per ventidue giorni in un villaggio ecologico circondato da natura e un silenzio così assoluto da riuscire a concentrarsi e connettersi profondamente. La mia stanza era all’aperto e condividevo una semplice villetta di bamboo con altre due compagne di corso.

Corso di yoga – come funziona?

È stato un periodo intenso che mi ha aiutata a crescere, ma soprattutto fatto conoscere delle persone meravigliose.

Eravamo in totale 22 studenti e 3 insegnanti provenienti da ogni parte del mondo, lingue ed età diverse, ma sin dal primo giorno siamo stati legati da un’amicizia nata per caso sul tappetino, così forte da legarci tutt’ora.

Nonostante fossimo accomunati dallo stesso amore per lo yoga abbiamo subito notato di essere caratterizzati da qualcosa di diverso; è così che abbiamo collaborato giorno dopo giorno trasformando questi valori e qualità in ispirazione, supporto e aiuto reciproco.

Corso di yoga a Bali – routine

Anche la nostra classe,“Shala”,era all’aperto sulla cima di una collina da dove poter guardare l’oceano infinito e poterci riflettere le emozioni. 

La mattina iniziavamo poco dopo le 6, con il sorgere del sole, seduti in cerchio cantavamo, meditavamo e studiavamo le tecniche di respirazione “pranayama”.

Durante la giornata, invece, le lezioni erano teoriche e pratiche come per esempio anatomia orientale, filosofia indiana e comunicazione per l’insegnamento.

Ho scelto questa scuola anche perché non era incentrata solamente sullo yoga tradizionale, ma insegnava diversi stili moderni, alcuni dei quali non sapevo esistessero.

Durante quest’esperienza ci sono stati per me dei momenti totalmente nuovi che hanno aperto occhi e mente spingendomi verso una consapevolezza più profonda. 

Ho intonato e cantato mantra in sanscrito, lingua meravigliosa che mi ha fatto vibrare dentro.

Ho meditato ore ed ore stando in silenzio e ascoltando me stessa, senza giudicare.

Ho apprezzato i forti benefici delle pratiche di purificazione e ho conosciuto “l’arte del digiuno”, che tutt’ora utilizzo quando ne sento il bisogno.

Diventare insegnante di yoga – la scelta di essere vegetariani

Ho mangiato solamente cibo vegetariano e sono stata felice di questa scelta e dei suoi valori; che all’inizio mi faceva un po’ strano, ma che oggi supporto giorno dopo giorno.

Ho notato una vera e propria trasformazione del mio corpo e mi sono sentita meglio, ho inoltre imparato ad ascoltarlo ed onorarlo.

Cosa sono le 200 ore?

Il certificato di 200 ore è il primo passo per avvicinarsi al mondo dell’insegnamento di questa “filosofia di vita”.

È un corso intensivo che richiede una preparazione fisica e soprattutto psicologica.

Devi essere disposto a dedicare cuore, corpo e anima a questa disciplina.

Aprire la mente a nuove conoscenze che andranno ad arricchire e soprattutto a cambiare la tua persona. 

Ho assistito in totale a 200 ore di lezione distribuite in 22 giorni e sostenuto 3 esami finali, in cui i compagni di corso e le insegnanti diventano gli studenti mentre io ero finalmente dall’altra parte del tappetino. 

I primi due esami pratici; Uno richiedeva l’organizzare e guidare 30 minuti di meditazione, canto ed esercizi di respirazione, l’altro invece era una vera e propria lezione di yoga per la durata di un’ ora. L’ultimo esame era invece di teorico scritto, sostenuto da un’esaminatrice esterna.

Diventare insegnante di yoga cerimonia del diploma

Come ho già detto è stato un periodo molto intenso e stancante, ma ci sono stati dei momenti che mi hanno particolarmente emozionata: come il rito iniziale e la consegna dei diplomi. 

Il primo giorno siamo stati accolti tramite una cerimonia in un tempio Balinese dove un vero sacerdote ci ha dato la benedizione utilizzando acqua santa, riso e fiori colorati. 

Per la giornata finale, invece, abbiamo indossato gli abiti tradizionali balinesi, danzato in cerchio e cantato in segno di rispetto a questa terra che ci ha insegnato così tanto. 

È stata una vera e propria trasformazione interiore ed esteriore e sono immensamente grata di aver vissuto quest’esperienza così intensa , significativa e profonda. 

Ricordo quando hanno chiamato il mio nome, indossavo un vestito Balinese giallo come il colore dell’energia e della felicità che mi stava esplodendo dentro. Mi sono alzata, ho subito abbracciato le mie insegnanti, guide di vita e fonte di conoscenza.  Dopo averle ringraziate ho stretto forte il mio certificato tra le mani e ho detto a me stessa: “c’è l’hai fatta, ora il mondo è tuo!”

``È così che in un giorno di sole sono diventata insegnante di yoga e meditazione a Bali. Namaste ``

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Post comment